Microsoft
Da Windows 8 a Windows 7: “Downgrade”
5 agosto 2015
0

Negli ultimi tempi mi capita spesso di avere a che fare con utenti scontenti dell’ultimo Sistema Operativo di casa Microsoft che si chiedono “ma se facessi un passo indietro per tornare a Windows 7 abbandonando Windows 8? Alcuni addirittura tornerebbero a Windows XP, ma forse sarebbe sicuramente una soluzione eccessiva visto che ormai non vengono più rilasciati gli aggiornamenti.

Attualmente per chi acquista un pc da un rivenditore ha poca scelta, infatti la gran parte dei computer viene venduta con Windows 8 preinstallato e a meno che non abbia un po’ di esperienza o che si affidi a qualcuno del mestiere l’operazione per il downgrade (il rientro a una versione precedente di Windows) non è semplicissima.

Negli ultimi tempi mi capita spesso di avere a che fare con utenti scontenti dell’ultimo Sistema Operativo di casa Microsoft che si chiedono “ma se facessi un passo indietro per tornare a Windows 7 abbandonando Windows 8?” Alcuni addirittura tornerebbero a Windows XP, ma forse sarebbe sicuramente una soluzione eccessiva visto che ormai non vengono più rilasciati gli aggiornamenti.itassistence_windows_8_downgrade

Attualmente per chi acquista un pc da un rivenditore ha poca scelta, infatti la gran parte dei computer viene venduta con Windows 8 preinstallato e a meno che non abbia un po’ di esperienza o che si affidi a qualcuno del mestiere l’operazione per il downgrade (il rientro a una versione precedente di Windows) non è semplicissima.

Bisogna tenere in considerazione anche due fattori fondamentali, se il nostro pc possiede Windows 8 versione Professional  il rientro a Windows 7 è totalmente gratuito, ma se abbiamo una versione Windows 8 Home allora siamo costretti all’acquisto di una nuova licenza relativa alla versione di Seven che vogliamo installare sul pc.  (vedi il sito Microsoft per i dettagli )

Uno degli scogli maggiori col quale ci scontreremo sarà il problema del nuovo sistema di partizionamento. Infatti Windows 8 utilizza un tipo di partizione GPT (consiglio questo articolo molto interessante su questo argomento), il quale impedirebbe la pratica classica per l’installazione di Windows 7, per questo è necessario compiere qualche operazione preliminare.

Vediamo i passaggi fondamentali da eseguire per il downgrade:

Per prima cosa è necessario verificare la compatibilità di Windows 7 con il nostro pc.

Quindi andiamo nel sito del costruttore e verifichiamo la disponibilità dei driver.

Dopo aver effettuato la verifica sui driver dobbiamo procurarci una copia di Windows 7 che ci servirà per installare il nuovo sistema operativo.

Prima di partire però vi consiglio di effettuare un backup del sistema operativo attuale, magari con dei dischi di ripristino così da poter tornare indietro in caso di ripensamenti o in caso di ulteriori problemi.

All’avvio del pc entriamo nel BIOS (solitamente con “F2” o il tasto “CANC”)  e andiamo ad effettuare le modifiche fondamentali che ci permetteranno di effettuare l’installazione:

– Dobbiamo modificare la modalità di avvio, disabilitare la “UEFI” ed attivare “Enable CMS”

– Disabilitiamo anche il “Secure boot”

In alcuni notebook potrebbe essere necessario settare nella scheda boot  il DVD come prima periferica di avvio (pratica necessaria per l’installazione del Sistema Operativo da dvd)  facendo attenzione a disabilitare l’avvio UEFI.

Fatto questo accorgimento potrebbe dover intervenire anche sul problema che ho citato qualche riga più su, ossia quello del partizionamento. Infatti in caso ci trovassimo di fronte ad una partizione GPT al momento dell’installazione di Windows 7, il sistemaci segnalerà un problema e ci impedirà di procedere con l’installazione.

Per cui è necessario seguire questi passaggi per ripulire totalmente il nostro disco.

Dobbiamo accedere al pompt dei  comandi MS-DOS (possiamo farlo attraverso l’avvio di ripristino di Windows 8, oppure con un dvd di installazione di Windows 8 o ancora con un cd di installazione di Windows XP)

1-      Avviamo il prompt

2-      Scriviamo diskpark e attendiamo qualche istante

3-      Ora scriviamo list disk e apparirà l’elenco dei dischi del nostro pc

4-      Selezioniamo il disco interessato col comando select disk 0 (0 sarà sostituito dal numero del drive)

5-      Ora possiamo ripulire il disco digitando il comando clean (vi ricordo che è una mossa alquanto distruttiva)

Terminata tutta la procedura possiamo partire con la classica installazione di Windows. Creiamo una o una o più partizioni e avviamo l’installazione. Successivamente inseriamo il codice il seriale di Windows 7 ed effettuiamo la registrazione online. Come detto prima nel caso di downgrade da Windows 8 Professional è possibile contattare la Microsoft per avere gratuitamente la licenza, invece per i possessori della versione Windows Home sarà necessaria una nuova licenza.